cap 2: Testi più leggibili – Come leggiamo

PRINCIPI DI ACCESSIBILITÀ


Le informazioni e i componenti dell’interfaccia utente devono essere presentati agli utenti in modi in cui essi possano percepirli.


COME LEGGIAMO

Non leggiamo in modo lineare. Procediamo scansionando la pagina.


La lettura è un processo predittivo:

SACCADI= rapidi salti tra le parole e le righe, di circa sette/nove caratteri:

Assorbiamo molte informazioni in pochissimo tempo.
(20-200 millisecondi), dipende da quanto ci è familiare l’argomento.

FISSAZIONI= pause tra le saccadi per mettere a fuoco le parole chiave:

Ci soffermiamo su specifici segmenti di testo e durano circa 200-300 millisecondi. L’occhio mette le parole chiave in corrispondenza della fovea, che è l’area più sensibile sulla retina.


Cosa significa in pratica?

Le parole chiave vengono assimilate grazie alla visione foveale durante le fissazioni, mentre le parole secondarie vengono affidate alla visione parafoveale, quella che conosciamo come “coda dell’occhio”, durante le saccadi.

Combinando fissazioni e saccadi il nostro cervello cerca di intuire e indovinare le parole.


LEGGIBILITÀ

Indicazioni generali e non esaustive per migliorarla


Linee guida 1/2

  • Il testo giustificato è gradevole visivamente, siamo tutti d’accordo, ma va usato con molta parsimonia: lo spazio variabile tra le parole NON aiuta i movimenti saccadici.
esempi visivi di un testo giustificato e di uno allineato a sinistra. Sopra al testo giustificato c'è una x rossa per indicare che si tratta di un errore, mentre sopra al testo allineato a sinistra c'è una spunta verde per indicare che si tratta del modo corretto di formattare.
  • Evitiamo i muri di testo. Lo spazio bianco nei punti giusti aiuta a “non perdere il segno”.
  • Il contenuto testuale va diviso in paragrafi introdotti da un titolo, ogni paragrafo va presentato in uno o più blocchi di testo significativi.
  • Per blocco di testo si intende una manciata di frasi.
esempio di un blocco di testo senza spazi e di un blocco di testo suddiviso in paragrafi.Sopra al primo blocco di testo, che è  privo di spazi, c'è una x rossa per indicare che si tratta di un errore, mentre sopra al testo suddiviso in 3 paragrafi c'è una spunta verde per indicare che si tratta del modo corretto di formattare

Linee guida 2/2

  • Non spezzare le parole per andare a capo.

Esempio: una persona con dislessia perde facilmente la riga quando si va a capo, inoltre hanno difficoltà nell’analisi e sintesi sillabica (suddividere le parole in sillabe e poi ricomporle).

  • Però, come già visto, per evitare i muri di testo è utile andare spesso a capo, magari dopo ogni punto di sospensione.
  • Frasi corte e concise rendono più facile la lettura dei testi (approfondiremo l’argomento nei capitoli successivi…).
  • Evitate accoppiate di colori sfondo/testo troppo stressanti per l’occhio come il nero puro ed il bianco.

Linee guida: WCAG Web Content Accessibility Guidelines

Dimensioni (per i caratteri latini):

  • 14pt = dimensione minima (testo stampato grande)
  • 18pt = dimensione standard grande

Per la maggior parte dei caratteri più usati, 14 o 18 punti sono equivalenti a 1.2 e 1.5 em oppure a 120% o 150% delle dimensioni predefinite del carattere per il corpo di pagina (assumendo che il carattere del corpo sia il 100%).

person reading a book

Congratulazioni! Hai terminato:

My Agile Privacy
Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione. Cliccando su accetta si autorizzano tutti i cookie di profilazione. Cliccando su rifiuta o la X si rifiutano tutti i cookie di profilazione. Cliccando su personalizza è possibile selezionare quali cookie di profilazione attivare.
Attenzione: alcune funzionalità di questa pagina potrebbero essere bloccate a seguito delle tue scelte privacy